#TotA Day 4: La tappa regina porta il gruppo in Trentino

La quarta tappa del Tour of the Alps, 168,6 Km con partenza da Naturno e arrivo a Pieve di Bono nella Valle del Chiese, è la più impegnativa dal punto di vista altimetrico. Castrin e Campo Carlo Magno fanno da anteprima alla salita e alla discesa inedite di Boniprati

Buongiorno dal Tour of the Alps! La quarta tappa di giovedì 22 Aprile, 168,6 Km da Naturno, in Alto Adige, a Pieve di Bono, nella Valle del Chiese in Trentino, è l’ennesima promessa di spettacolo dell’evento euro-regionale. Dopotutto, l’evoluzione della corsa fino a questo momento e l’altimetria della tappa non mentono: la solidità della leadership di Simon Yates verrà messa a dura prova lungo le rampe di Passo Castrin, Passo Campo Carlo Magno e Boniprati.

La salita e la discesa di Boniprati potrebbero offrire ai rivali del leader della classifica, il britannico Simon Yates, una delle opportunità più importanti per provare a scuotere la classifica: dal russo Pavel Sivakov, allo spagnolo Pello Bilbao all’irlandese Dan Martin, tutti sono attesi alla prova del fuoco sui 10 km al 6.8% di pendenza media (ma con 3 km costantemente vicini al 10%). In vista del gran finale di Riva del Garda, non c’è più tempo per nascondersi: una grande fetta del Tour of the Alps 2021 si gioca qui.

DISPOSIZIONI

Ritrovo: 9:00, Naturno (Via Principale)
Partenza: 10:50, Naturno (Via dell’Argine)
Arrivo: 15:30, Valle del Chiese/Pieve di Bono (Via Roma)
TV: Dimaro, Km 87,1
GPM: Passo Campo Carlo Magno (1a cat., Km 101,4), Boniprati (2a cat., Km 161.7)

PARTENZA: NATURNO. Naturno è il paese delle escursioni e della bicicletta, grazie a una vasta scelta di itinerari naturalistici a disposizione: dalla funivia verso il paradiso escursionistico del Monte Sole alle spettacolari ciclabili attraverso le quali è possibile esplorare la Val Venosta.

SULLA STRADAPasso Campo Carlo Magno è un valico alpino che mette in comunicazione la Val di Sole con la Val Rendena, e Dimaro con la rinomata stazione sciistica di Madonna di Campiglio. Deve il suo nome al fatto che la tradizione narra che Carlo Magno si fosse accampato proprio in questa località con il suo esercito durante la discesa verso Roma nell’anno 800 per farsi incoronare Imperatore del Sacro Romano Impero.

LA TAPPA DEL GUSTO: Fra i prodotti tipici della Valle del Chiese c’è sicuramente la farina gialla di Storo, grazie al quale è possibile cucinare la non meno famosa Polenta di Storo. La farina gialla di Storo viene prodotta dal grano “Marano” che viene coltivato rispettando i cicli della natura, senza alcuna forzatura agronomica.

DA NON PERDERE: Il Parco Naturale Adamello Brenta è il più grande del Trentino. Il parco offre ai suoi visitatori un variegato panorama di paesaggi: si va dalle zone umide del fondovalle alle foreste, fino ad arrivare alle pareti delle Dolomiti di Brenta, fra ambienti arricchiti da una flora e una fauna tra le più ricche di tutte le Alpi.

ARRIVO: VALLE DEL CHIESE/PIEVE DI BONO. Le secolari tradizioni hanno lasciato molte tracce nella Valle del Chiese e Pieve di Bono ne è uno degli esempi più fulgidi. Punti di particolare interesse sono il Castel Romano, raggiungibile attraverso lo splendido sentiero botanico, e il Forte Larino, dove si può arrivare camminando lungo i luoghi più significativi della Grande Guerra. In antichità, il villaggio rappresentava il centro economico e politico della conca omonima.

IL RICORDO DI MICHELE

La giornata del 22 Aprile ha per il Tour of the Alps, come per tutto il mondo del ciclismo, un significato particolare: proprio oggi, quattro anni fa, avveniva il tragico incidente che si prendeva la vita di Michele Scarponi. Solo il giorno prima, l’atleta marchigiano era tornato dal Tour of the Alps, dove aveva conquistato la storica prima tappa del nuovo corso dell’evento, da Kufstein a Innsbruck: l’ultimo di una vita troppo breve.

CHIUSURE AL TRAFFICO

Per la tappa 4, le autorità della Provincia Autonoma di Bolzano hanno disposto un’ordinanza di sospensione della circolazione, in entrambi i sensi di marcia, su tutte le strade interessate dalla corsa, almeno 40 minuti prima del passaggio del veicolo di inizio gara e sino al transito del veicolo di fine gara.

Le autorità della Provincia Autonoma di Trento hanno disposto un’ordinanza per la chiusura della circolazione in direzione contraria al senso di marcia dei ciclisti con un anticipo di 60 minuti rispetto agli orari indicati nelle cronotabelle e un’ordinanza di chiusura della circolazione in direzione al senso di marcia dei ciclisti con un anticipo di 30 minuti rispetto agli orari indicati nelle cronotabelle.

DISTRIBUZIONE TELEVISIVA

La quarta tappa del Tour of the Alps sarà tutta da seguire in diretta dalle 14.00 alle 16.00, grazie alla trasmissione di due ore prodotta da PMG Sport.

TV: Eurosport (Europa, Est Asiatico, USA, Canada, Sudamerica, America Centrale, Area Pacifico, Subcontinente Indiano), RaiSport (Italia, San Marino, Città del Vaticano), ORF (Highlights in Austria), Equipe TV (Francia), TV2 (Danimarca).

LIVE STREAMING: Eurosport Player, GCN – Global Cycling Network, Repubblica.it, Tuttobiciweb.it, Federciclismo, K19.at, PMG Sport (Pagina Facebook e canale Youtube in Italia, Austria, Giappone, Cina, Nuova Zelanda e Messico).