Chiarimenti in merito all’Ordinanza del Ministero della Salute del 2 Aprile 2021

Le precisazioni dell'organizzazione del Tour of the Alps in relazione al provvedimento rilasciato dal Ministero della Salute Italiano

In relazione al provvedimento rilasciato dal Ministero della Salute Italiano in data 2 aprile 2021, avente in oggetto “Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, il GS Alto Garda, organizzatore del Tour of the Alps, tiene a chiarire quanto segue.

L’ordinanza in parola estende fino al 30 Aprile p.v. le misure già adottate per gli spostamenti transfrontalieri da e per l’Italia nel periodo Pasquale.

In particolare, per tutti coloro che abbiano soggiornato o transitato nei Paesi compresi nella lista dell’allegato C, l’ordinanza prevede:


  1. a) l’esigenza di un tampone molecolare o antigenico negativo nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia;
    b) la sottoposizione, a prescindere dall’esito del tampone, a sorveglianza sanitaria ed isolamento fiduciario per un periodo di cinque giorni;
    c) l’effettuazione di un nuovo tampone al termine dell’isolamento di 5 giorni.


Per alcuni territori specificamente individuati nel provvedimento sono state individuate misure diverse: fra queste, per le persone che abbiano soggiornato nel Land Tirol è prevista l’estensione di sorveglianza sanitaria ed isolamento fiduciario a 14 giorni.

Tuttavia, il provvedimento individua specifiche deroghe e motivi di esenzione (come riportati nell’art. 51, comma 7, del Dpcm 2 marzo 2021) nei quali rientrano tutte le categorie di persone impegnate ad ogni livello (organizzativo, sportivo, professionale, di copertura media) all’interno di una manifestazione come il Tour of the Alps.

In particolare, l’esigenza di sottoporsi alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario NON si applica alle seguenti casistiche:


  1. a) a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle centoventi ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale;
    b) ai cittadini e ai residenti di uno Stato membro dell’Unione europea e degli ulteriori Stati e territori indicati agli elenchi A, B, C e D dell’allegato 20 che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro, salvo che nei quattordici giorni anteriori all’ingresso in Italia abbiano soggiornato o transitato in uno o più Stati e territori di cui all’elenco C;Per le suddette categorie le motivazioni di deroga sono comprovate dall’autodichiarazione,che dovrà essere esibita a chiunque sia deputato a verificare la veridicità delle dichiarazioni scritte.


E’ inoltre prevista dalla normativa vigente una specifica deroga per l’ingresso di atleti, tecnici, giudici, commissari di gara e accompagnatori, rappresentanti della stampa estera per la partecipazione alle competizioni sportive di cui all’art. 18, comma 1 che, nelle 48 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, si sono sottoposti ad un test molecolare o antigenico, effettuato a mezzo di tampone e risultato negativo.

Si specifica, peraltro, come i test già previsti nel protocollo COVID del Tour of the Alps assolvano pienamente l’esigenza dell’effettuazione del tampone nei termini prescritti.

Con le suddette precisazioni, il Tour of the Alps intende pertanto rassicurare tutti i partecipanti all’evento, a titolo sportivo e professionale, della garantita possibilità di prendervi parte ed effettuare ogni spostamento necessario all’uopo, seguendo le procedure prescritte.

Allo scopo di semplificare le relative verifiche, il Tour of the Alps si rende disponibile a rilasciare dichiarazioni a supporto dell’autocertificazione per motivi professionali a tutti i media la cui richiesta di accredito venga accolta, ai team e a chi ne faccia motivata richiesta.

Ringraziandovi per la cortese attenzione, rimaniamo a disposizione per ogni ulteriore chiarimento e supporto all’indirizzo email: tourofthealps@vitesseonline.it.

Cordiali saluti,

Giacomo Santini
Presidente GS Alto Garda